MESSINA TERRA D'AMORE

questo forum viene creato per ki come me ama questa città e la Sicilia in generale, e per discutere e scambiare idee tra di noi...
 
PortalePortale  IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  PianetafantacalcioPianetafantacalcio  

Condividi | 
 

 TERREMOTO IN ABRUZZO

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ultraleo
Messinafinoallamorte
Messinafinoallamorte
avatar

Numero di messaggi : 3612
Localizzazione : Messina
Data d'iscrizione : 31.07.07

MessaggioTitolo: TERREMOTO IN ABRUZZO   Mar Apr 07, 2009 12:46 pm

Lunedi 6 Aprile 2009 alle ore 3:32 di mattina il centro di L'AQUILA è stato colpito da un violento terremoto, di magnitudo 6.7 su scala Richter. Accertati sinora 179 morti, 1500 feriti e 50.000 sfollati. Il paesino di Onna completamente raso al suolo.






Seguono aggiornamenti...
Torna in alto Andare in basso
Ultraleo
Messinafinoallamorte
Messinafinoallamorte
avatar

Numero di messaggi : 3612
Localizzazione : Messina
Data d'iscrizione : 31.07.07

MessaggioTitolo: Re: TERREMOTO IN ABRUZZO   Mer Apr 08, 2009 12:49 am

Il Calcio non si ferma, lutto al braccio ed un minuto di silenzio per le vittime
Martedì 07 Aprile 2009 15:22
In segno di lutto per le vittime del terremoto che ha colpito l'Abruzzo su tutti i campi delle gare del prossimo turno di Serie A e B e del campionato Primavera sarà osservato un minuto di silenzio ed i calciatori scenderanno in campo con il lutto al braccio. Lo ha deciso la Lega calcio.
Il Calcio Napoli ha deciso di devolvere l'incasso della partita di campionato Napoli-Atalanta, in programma sabato prossimo allo stadio San Paolo alle vittime del terremoto in Abruzzo. Sul sito ufficiale della società è stato pubblicato poco fa un breve comunicato: "Il Presidente Aurelio De Laurentiis, profondamente colpito da questa immane tragedia, ha deciso, come atto di solidarietà, di destinare l'incasso della partita Napoli-Atalanta alle famiglie vittime del terremoto in Abruzzo.


LA SERIE A NON SI FERMA




Si fermano il Torneo delle Regioni e i Dilettanti in Abruzzo, non i campionati professionistici: per le serie superiori la Federcalcio sta pensando a "iniziative di solidarietà". Lo ha detto a Milano il presidente della Figc Giancarlo Abete, partecipando al workshop organizzato da Coni e Coni Servizi per presentare uno studio della Deloitte sui cosiddetti 'stadi modulari'. "Questa è una tragedia che colpisce tutto il paese - ha detto Abete - Il calcio è un mondo popolare che deve inchinarsi in segno di rispetto. Ci uniamo al dolore, cercheremo di individuare situazioni più opportune per rispettare questa tragedia".



Ma tutto lo sport italiano si unisce al dolore delle famiglie duramente colpite dal sisma. "Esprimiano la solidarietà di tutto lo sport al grave terremoto che ha colpito l'Abruzzo - ha dichiarato il presidente del Coni Giovanni Petrucci - Speriamo si fermi qui". "Siamo uniti nel dolore - ha detto il n.1 della Lega Calcio Antonio Matarrese - ma non possiamo fermarci...". Parole di solidarità anche da parte del presidente della Lega Pro Mario Macalli e da quello della Lega Dilettanti Carlo Tavecchio. Al workshop era presente anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delaga allo sport Rocco Crimi, che ha espresso il cordoglio a nome del Governo. "Il nostro pensiero - ha detto - va alle vittime, alle famiglie e agli sfollati. Questo è un disastro. Quello che il calcio potrà fare sarà un segnale importante".




(Ansa)
Torna in alto Andare in basso
Ultraleo
Messinafinoallamorte
Messinafinoallamorte
avatar

Numero di messaggi : 3612
Localizzazione : Messina
Data d'iscrizione : 31.07.07

MessaggioTitolo: Re: TERREMOTO IN ABRUZZO   Mer Apr 08, 2009 1:20 am

Nuova forte scossa, un morto ed ancora crolli
Martedì 07 Aprile 2009 20:41


Una nuova, potente scossa di terremoto ha colpito in serata l'Abruzzo e ha provocato crolli e altre vittime, mentre il bilancio complessivo che si avvia ormai a raggiungere i 230 morti. Il movimento tellurico, di magnitudo 5.3, e' stato avvertito nell'Aquilano intorno alle 19.42: si tratta della scossa piu' forte dopo quella della notte tra domenica e lunedi' di magnitudo 5.8.



La scossa, secondo le prime notizie, ha provocato altre vittime, con certezza una nella frazione Santa Rufina di Roio. L'epicentro e' stato localizzato nella zona compresa tra San Panfilo d'Ocre, Fossa, S. Eusanio e Forcenese.



''Un epicentro spostato di qualche chilometro verso sud-est'', ha detto il presidente dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Enzo Boschi, spiegando che la nuova, forte, replica sismica e' stata generata dalla stessa faglia, alla profondita' di otto-nove chilometri. All'Aquila ci sono stati nuovi crolli nel centro citta' e una nuvola di polvere e' stata vista levarsi da via XX Settembre, dove si trovavano al lavoro i soccorritori. Diverse porzioni delle mura che cingono L'Aquila sono crollate e sulla strada ci sono grandi frammenti delle pietre di costruzione. Crolli di edifici sono stati segnalati in diversi paesi del circondario dell'Aquila, in particolare nelle frazioni di Picenze, Petogna e Villa di Barisciano.



Durata diversi secondi e piu' forte di quella registrata questa mattina, poco prima delle 11.30, e' stata avvertita anche lontano dall'epicentro, in particolare in alcuni quartieri di Roma, nel Frusinate, dove in molti sono scesi in strada impauriti, in una vasta zona della Campania e in molte aree di Napoli, specie ai piani alti dei palazzi. Paura anche nelle Marche, a Pesaro e ad Ascoli, ma anche nell'entroterra, a Fabriano, dove la gente e' scesa in strada. Fabriano e' una delle localita' piu' colpite dal terremoto di Marche e Umbria del '97. Quella verificatasi in serata e' la seconda scossa sismica registrata oggi. Stamani, infatti, la terra aveva tremato alle 11,27, ma la violenza del terremoto, di magnitudo 4.7, era stata inferiore. Il bilancio delle vittime e' di di 228 morti. Secondo quanto riferito dal premier Silvio Berlusconi, sono 150 le persone estratte vive dalle macerie. I feriti sono poco piu' di mille, mentre 500 sono stati ospedalizzati e 100 sono quelli in condizioni difficili. Entro stasera saranno ultimate 20 tendopoli con 16 cucine da campo che potranno ospitare 14 mila 500 persone.





(Ansa)


Sisma, ancora una notte di freddo ed angoscia, 237 le vittime
Mercoledì 08 Aprile 2009 08:05


Scosse ce ne sono state ancora: molto forte quella di ieri sera, che alle 19:47 ha provocato nuovi danni, meno intense invece quelle registrate intorno alle 23:30 e dopo la mezzanotte. Attimi di paura per i 25 mila sfollati de L'Aquila, costretti sotto le tende all'ennesima notte d'angoscia. E di freddo: la temperatura e' calata fino a 4-5 gradi.


Troppo poco per chi e' scappato di casa senza vestiti e sulla testa ha solo la sottile tela delle tende montate in fretta e furia dai soccorritori. I pochi che ancora hanno un tetto vero sotto cui vivere, hanno preferito aspettare il giorno in macchina. La paura e il panico sono ancora troppo grandi per infilarsi di nuovo nell'uscio di casa. ''La vede? E' su da 100 anni e non ha subito nessun danno'', dice un uomo con la barba di tre giorni sul volto. ''E' una casa sicura, solida - aggiunge - e dentro potremmo dormire meglio. Ma come faccio a fidarmi dopo che quello che e' successo?''. Dentro la sua auto, parcheggiata sul marciapiede davanti a casa all'inizio di via XX Settembre, ci sono la moglie, i figli e i genitori anziani. ''Stiamo stretti - osserva riuscendo perfino a fare un mezzo sorriso - ma almeno ci scaldiamo''.


I soccorritori, che lavorano ormai da 48 ore, non li hanno dimenticati. Volontari della Protezione civile girano per la citta' e distribuiscono a queste persone una coperta, qualche bevanda calda e una parola di conforto quando i piedi tremano per le scosse dello sciame sismico. Piu' in alto, vicino al centro che ieri sera le forze dell'ordine hanno chiuso per precauzione, si continua a scavare. L'esempio di Eleonora Calesini, 20 anni, estratta viva dalle macerie dopo 42 ore, ha restituito un po' di forza anche ai Vigili del fuoco che scavano alla ricerca dei quattro giorni dispersi sotto le macerie della Casa dello studente. Ormai la grossa cesoia messa in funzione ieri pomeriggio ha finito di abbattere l'ala pericolante dell'edificio e tra poco si potra' riprendere a cercare. ''Continuiamo a lavorare - dicono i pompieri - anche se le speranze si fanno sempre piu' flebili''. Ieri il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha indicato in 48 ore il termine delle ricerche. Poi i dispersi, ancora una trentina, andranno ad aggiungersi all'elenco delle vittime. L'ultimo dato fornito dal Centro di coordinamento dei soccorsi parla di 235 vittime e di un migliaio di feriti. Un bilancio ancora provvisorio, in attesa di un nuovo giorno.



L'AQUILA - Ancora un corpo, l'ennesimo, dalle macerie di un palazzo crollato nella notte tra domenica e lunedi' in via Sant'Andrea, traversa di via XX Settembre, la piu' colpita della citta'. Per i soccorritori sotto le macerie ci sarebbero almeno altre due corpi. Nella via si sta lavorando ora al freddo e con le cellule fotoelettriche. Si scava con le mani li' ed in altri tre punti tragici della strada: la casa dello Studente, la palazzina di quattro piani di fronte ed un altro in via campo di Fossa, traversa di via XX Settembre. In tutti e tre si ritiene ci siano diverse persone sepolte.



ALTRO STUDENTE CIOCIARO TROVATO MORTO
E' stato trovato morto anche un altro dei tre giovani studenti frusinati che mancavano all'appello. Si chiamava Nicola Bianchi, 23 anni ed era residente con la famiglia nel comune di Monte San Giovanni Campano, ma da un paio di anni era domiciliato in una palazzina poco distante dall'universita'. Ora si spera ancora per Marco Alviani, 21 anni di Sora e Giulia Carnevale, 23 di Arpino gli ultimi due ciociari ancora dispersi



IL BILANCIO
Sono 235 le vittime del terremoto che ha colpito l'Abruzzo. Il nuovo bilancio e' stato fornito dal centro di coordinamento dei soccorsi all'Aquila. Sono 17 mila,secondo quest'ultimo bilancio, le persone assistite e un migliaio i feriti



NUOVA FORTE SCOSSA IN ABRUZZO IN TARDA SERATA
Una nuova forte scossa di terremoto ha colpito poco fa l'Abruzzo, verso le 23.30. Il movimento tellurico e' stato avvertito distintamente da tutte le persone che si trovavano nelle strade dell'Aquila e gli edifici hanno vibrato a lungo. Il sisma delle 23.30 e' stato seguito a pochi minuti di distanza da una seconda scossa, un poco meno violenta ma che ha fatto tremare ancora strade ed edifici.



DA DOMANI 1.500 TECNICI PER VISIONARE CASE - E da domani, ha annunciato il premier entreranno in azione 1.500 tecnici qualificate per monitorare gli edifici colpiti. Saranno fatti accertamenti sulla stabilita', agibilita' e valutazione dei danni subiti dai fabbricati. Per quanto riguarda le abitazioni, se nel corso del sopralluogo non venissero rilevati danni, potrebbe essere data alle famiglie l'autorizzazione a rientrare.




OBAMA TELEFONA A BERLUSCONI, AIUTI DA USA - mentre visitava le tendopoli dell'aquilano, Berlusconi e' stato raggiunto da una telefonata del presidente americano Barack Obama. ''Mi ha detto ha riferito il premier - che gli Stati Uniti sono a disposizione per qualunque esigenza e che il popolo e il governo americano ci sono vicini. Io gli ho detto che se loro vorranno dare un segno tangibile della loro vicinanza, noi da domani faremo l'inventario delle cose da ricostruire. Se dunque gli Usa vorranno prendersi la responsabilita' della ricostruzione di beni culturali e chiese, noi saremo lietissimi di avere questo contributo alla ricostruzione''.




SOSPESI PAGAMENTI FISCALI - Pronte misure di sostegno economico. L'Agenzia delle entrate ha sospeso i pagamenti di tasse locali e nazionali per i comuni coinvolti dal sisma. Il Governo ha deciso anche ti economici. Le misure saranno varate nel Consiglio dei ministri di dopodomani.




POLEMICHE SU NEW TOWN - E' polemica, poi, sulle new town annunciate dal premier, da costruire vicino agli insediamenti crollati. Piu' che edificare delle new town, ha detto Ermete Realacci, responsabile ambiente del Pd, occorre inserire nel piano casa incentivi che ristrutturare le case secondo criteri antisismici. Anche l'architetto Massimilano Fuksas boccia l'idea lanciata da Berlusconi. ''All'estero - ha rilevato - ci sono state diverse esperienze in passato. Ma oggi nessuno ci pensa piu' perche' sono state un fallimento''.






(Ansa)
Torna in alto Andare in basso
Ultraleo
Messinafinoallamorte
Messinafinoallamorte
avatar

Numero di messaggi : 3612
Localizzazione : Messina
Data d'iscrizione : 31.07.07

MessaggioTitolo: Re: TERREMOTO IN ABRUZZO   Mer Apr 08, 2009 9:14 pm

LE VITTIME SALGONO A 270. CONTINUA IL TERRORE NEI PAESI AQUILANI...
Torna in alto Andare in basso
Canto87
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 3601
Età : 31
Localizzazione : MESSINA CAPUT MUNDI
Data d'iscrizione : 31.07.07

MessaggioTitolo: Re: TERREMOTO IN ABRUZZO   Gio Apr 09, 2009 12:13 am

scusate non esserci stato..............
ho seguito tanto questa brutta tragedia ke sembra non avere fine....


ps leo metti tutti i tuoi messaggi uniti per giorno cosi li capiamo bene okk...grazie..

_________________
Cari amici, il piccolo Edy,di soli 8 mesi, potrebbe essere affetto da una forma più o meno grave di distrofia muscolare, una malattia de-generativa dei muscoli che nelle forme più gravi porta alla perdita della deam- bulazione a soli dodici anni e a morte precoce per interessamento dei muscoli respiratori e cardiaci intorno ai venti.Aiutiamo... nella sezione di tutto di piu ho messo anke un TOPIC
Torna in alto Andare in basso
http://messinafinoallamorte.forumattivo.com
Ultraleo
Messinafinoallamorte
Messinafinoallamorte
avatar

Numero di messaggi : 3612
Localizzazione : Messina
Data d'iscrizione : 31.07.07

MessaggioTitolo: Re: TERREMOTO IN ABRUZZO   Ven Apr 10, 2009 6:26 pm

oggi si sono tenuti i funerali delle vittime...Commozione da parte dei circa 5000 che hanno assistito alle esequie...
Torna in alto Andare in basso
Ultraleo
Messinafinoallamorte
Messinafinoallamorte
avatar

Numero di messaggi : 3612
Localizzazione : Messina
Data d'iscrizione : 31.07.07

MessaggioTitolo: Re: TERREMOTO IN ABRUZZO   Sab Apr 11, 2009 9:19 pm

ecco nel dettaglio la settimana triste per gli abruzzesi e gli italiani, dal sito www.ansa.it

Morte e distruzione, ecco la settimana terribile
di Alessandro Galavotti

L'AQUILA - Il 6 aprile è una data che difficilmente sarà cancellata dal calendario della memoria dei lutti degli italiani. Novantaquattro anni dopo il terremoto che distrusse Avezzano, un nuovo sisma sconvolge l'Abruzzo. A farne le spese, questa volta, è l'Aquila e l'intera provincia. Ecco il diario della sua settimana più difficile.

LUNEDI' 6 APRILE - Sono le 3.32 quando, all'Aquila, la terra inizia a tremare. La scossa, avvertita in tutto il centro Italia, raggiunge i 5,8 gradi della scala Richter. La gente si riversa impaurita per le strade, mentre crollano gli edifici. Il primo bilancio parla di 9 morti, ma per il capo della Protezione civile, Guido Bertolaso, è destinato a salire. Il sisma ha colpito anche numerosi paesi della provincia, tra cui San Gregorio, Paganica, Onna, Villa Sant'Angelo e Tempera. Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, firma lo stato d'emergenza e si reca subito all'Aquila: "Lo Stato c'é - assicura - nessuno resterà solo". A fine giornata i morti accertati sono 150, 1.500 i feriti e 70 mila gli sfollati. Ma è solo l'inizio.

MARTEDI' 7 APRILE
- I soccorritori scavano alla ricerca di sopravvissuti: in via Sant'Andrea, 23 ore dopo il crollo della palazzina in cui si trovava, viene estratta viva Marta Valente, studentessa di 24 anni. Un raggio di speranza nella prima notte all'addiaccio degli sfollati. Scatta la solidarietà, mentre si allestiscono le prime tendopoli. Polemiche per i crolli all'ospedale, che è inagibile. La Procura della Repubblica apre un'inchiesta. Nuova scossa, alle 19.47, di 5,5 gradi della scala Richter. Il centro storico del capoluogo abruzzese viene chiuso. A fine giornata il bilancio parla di oltre 220 vittime.

MERCOLEDI' 8 APRILE
- Il carcere dell'Aquila, una delle poche strutture a non aver subito danni, viene evacuato per precauzione. Si calcola che il 100% del patrimonio artistico sia danneggiato. Per il terzo giorno consecutivo Berlusconi torna all'Aquila: "E' peggio di quanto pensassi", dice, annunciando l'introduzione del reato di sciacallaggio e difendendo l'idea di costruire una new town. Il Papa annuncia: "Appena possibile verrò all'Aquila". Le vittime diventano 272.

GIOVEDI' 9 APRILE - Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, visita le zone terremotate: "Nessuno - dice - è senza colpà". Il Consiglio dei ministri stanzia 70 milioni di euro per le zone colpite, sospese bollette e mutui. Approvato anche il decreto salva-scuola. Si continua a discutere sul futuro dell'Aquila: i 28 mila sfollati rischiano di restare per mesi in tenda. E mentre proseguono le scosse, sale il numero delle vittime: sono 287. Alla caserma della Guardia di finanza iniziano i preparativi per i funerali.

VENERDI' 10 APRILE
- E' il giorno del dolore e del lutto nazionale. Il Segretario di Stato Vaticano, cardinal Tarcisio Bertone, celebra i funerali. Sono 205 le bare allineate davanti all'altare. Presenti 5 mila persone, tra cui le più alte cariche dello Stato. Berlusconi assiste alla cerimonia tra i parenti delle vittime e si dichiara pronto a mettere a disposizione degli sfollati le sue case. Cresce ancora il bilancio delle vittime, sono 290. Ma i soccorritori continuano a scavare.

SABATO 11 APRILE
- Ci si prepara alla Pasqua più triste. Nei campi non mancheranno i pranzi tradizionali e le visite di parenti e amici che vengono da altre città. Soprattutto non mancherà la possibilità di partecipare a riti religiosi: in ogni campo sarà celebrata una messa. Intanto, poco distante, si prosegue nelle ricerche ma dalle macerie escono solo morti: la quota è adesso 293.
Torna in alto Andare in basso
Canto87
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 3601
Età : 31
Localizzazione : MESSINA CAPUT MUNDI
Data d'iscrizione : 31.07.07

MessaggioTitolo: Re: TERREMOTO IN ABRUZZO   Dom Apr 12, 2009 1:32 pm

i funereli sono stati strazzianti per me e penso per tutti... tutto cio ke è successo è davvero toccante brutto... vergogna per la lega italiana calcio ke ha fatto proseguire il campionato...vergogna...

_________________
Cari amici, il piccolo Edy,di soli 8 mesi, potrebbe essere affetto da una forma più o meno grave di distrofia muscolare, una malattia de-generativa dei muscoli che nelle forme più gravi porta alla perdita della deam- bulazione a soli dodici anni e a morte precoce per interessamento dei muscoli respiratori e cardiaci intorno ai venti.Aiutiamo... nella sezione di tutto di piu ho messo anke un TOPIC
Torna in alto Andare in basso
http://messinafinoallamorte.forumattivo.com
Canto87
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 3601
Età : 31
Localizzazione : MESSINA CAPUT MUNDI
Data d'iscrizione : 31.07.07

MessaggioTitolo: Re: TERREMOTO IN ABRUZZO   Dom Apr 12, 2009 1:41 pm

BUANA SANTA PASQUA A TUTTI VOI NON E' FACILE DIRLO MA LA FEDE DEVE VIVERE SEMPRE CON LO SGUARDO RIVOLTO AL CIELO IN RICORDO DI UNA REGIONE, L'ABRUZZO TOCCATA IN MODO PROFONDO DA UNA NATURA KE A VOLTE PUO SEMBRARE MALIGNA,MA NON è COSI...FORSE O SICURAMENTE SARA STATO SEMPRE COLPA DELL'UOMO MA COMUNQUE L'IMPORTANTE è RICORDARE... ABRUZZO SIAMO CON TE...
Sad Sad Sad

_________________
Cari amici, il piccolo Edy,di soli 8 mesi, potrebbe essere affetto da una forma più o meno grave di distrofia muscolare, una malattia de-generativa dei muscoli che nelle forme più gravi porta alla perdita della deam- bulazione a soli dodici anni e a morte precoce per interessamento dei muscoli respiratori e cardiaci intorno ai venti.Aiutiamo... nella sezione di tutto di piu ho messo anke un TOPIC
Torna in alto Andare in basso
http://messinafinoallamorte.forumattivo.com
Ultraleo
Messinafinoallamorte
Messinafinoallamorte
avatar

Numero di messaggi : 3612
Localizzazione : Messina
Data d'iscrizione : 31.07.07

MessaggioTitolo: Re: TERREMOTO IN ABRUZZO   Lun Apr 13, 2009 12:44 am

Terremoto: ancora scosse, bilancio sale a 294 vittime
Speciale - Terremoto Abruzzo
Domenica 12 Aprile 2009 20:50


Lo sciame sismico non si placa in Abruzzo e, anzi, si allarga ancora. La scorsa notte una scossa di magnitudo 3.1 e' stata registrata con epicentro Monti della Laga, nel Parco d'Abruzzo, in una fascia che interessa tre regioni: Abruzzo, Marche e Lazio. Poi altre due scosse alle 15:40 (magnitudo 2.8 ) e alle 16:41 (magnitudo 2.9)


In entrambi i casi l'epicentro tra Collimento, Pizzoli e L'Aquila. Una nuova scossa, con magnitudo 3.2, alle 18.35: epicentro L'Aquila, Campotosto e Capitignano in provincia dell'Aquila e Nerito, nel Teramano.




Tutto questo mentre aumenta il bilancio dei morti: sono 294 le vittime accertate, dopo che nell'ospedale di Teramo e' deceduto per le ferite riportate nel sisma Tommaso Iovinitti. Aveva 59 anni.




L'uomo era ricoverato nel Reparto di Rianimazione Generale dell'Ospedale di Teramo ed e' morto intorno alle 2. La giovane Eleonora, l'ultima persona recuperata viva da sotto le macerie, invece, pur rimanendo in prognosi riservata, respira spontaneamente, e' vigile e cosciente e ha potuto vedere la sua mamma. La Asl teramana spiega che altri 5 pazienti, sono stabili, seppur ancora in condizioni critiche e quindi in prognosi riservata.




In conseguenza delle nuove scosse, cresce anche il numero degli sfollati: circa 3.800 in piu', di cui 3.100 ricoverati nel Com (Centro operativo misto) di Sulmona (L'Aquila) e altri 680 in altri 8 comuni della zona - Campo di Giove, Cocullo, Corfinio, Gagliano Aterno, Raiano, Roccacasale, Roccapia e Villalago - che non sono stati ancora inseriti nelle liste dei Com.




Intanto, dalla scorsa notte all'Aquila non si scava piu': non ci sono piu' nomi sulle liste dei dispersi e, comunque, sono stati abbondantemente superati i limiti di tempo che possano far sperare di trovare persone ancora vive sotto le macerie. ''Vi porteremo presto fuori dalle tende'', ha assicurato il presidente del Consiglio Berlusconi giunto all'Aquila per assistere alla messa di Pasqua, celebrata nella scuola della Guardia di Finanza all'Aquila, e per poi restare a pranzo con gli sfollati del terremoto. Il presidente della Camera Gianfranco Fini ha invece visitato l'ospedale da campo del capoluogo: ''l'Italia e' orgogliosa di voi'', ha detto ai volontari della Protezione Civile che hanno tirato su la tendopoli a poche ore dal sisma.








(Ansa)
Torna in alto Andare in basso
Canto87
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 3601
Età : 31
Localizzazione : MESSINA CAPUT MUNDI
Data d'iscrizione : 31.07.07

MessaggioTitolo: Re: TERREMOTO IN ABRUZZO   Mar Apr 14, 2009 10:21 pm

TERREMOTO: PRESTO PRIMI TESTIMONI, ACQUISITI REPERTI
L'AQUILA - ''Abbiamo un capannone intero pieno di reperti. Il materiale lo abbiamo raccolto e quindi e' stato sequestrato''. Cosi' il procuratore della Repubblica presso il tribunale dell'Aquila, Alfredo Rossini, risponde ai giornalisti che gli chiedono se nell'ambito dell'inchiesta aperta sui crolli provocati dal terremoto sia gia' stato sequestrato del materiale? Verranno sequestrate anche intere aree? ''Vedremo quello che servira''', afferma il procuratore, al termine di una riunione ''con tutti i sostituti per organizzare i turni di lavoro. Il lavoro e' tanto - spiega - e dobbiamo dividerci le cose da fare''. ''Abbiamo dato l'incarico ai periti, abbiamo raccolto le macerie da esaminare, stiamo vedendo le carte'', aggiunge Rossini, sottolineando anche la difficolta' di reperire documenti da uffici che sono totalmente crollati. ''Ancora nessun iscrizione nel registro degli indagati'', ribadisce Rossini, il quale conferma anche ''l'intenzione di non limitarsi ad indagare i presunti responsabili, ma di volerli arrestare''.

Nelle prossime ore gli inquirenti che indagano sui crolli degli edifici provocati dal terremoto in Abruzzo sentiranno i primi testimoni. Lo ha confermato lo stesso procuratore della Repubblica presso il tribunale dell'Aquila, Alfredo Rossini.

Tra i primi testi anche le persone che hanno fatto sui media dichiarazioni ritenute interessanti ai fini dell'inchiesta, come la giovane che aveva lasciato la casa dello studente qualche giorno prima della scossa distruttiva dopo aver detto di ritenere la struttura per niente sicura. Il procuratore ha anche detto che finora non ci sono denunce presentate dai cittadini, anche se questo naturalmente non ostacola l'inchiesta: ''noi procediamo d'ufficio'', ha affermato.


Per quanto denunciato con forza sui media subito dopo il terremoto Carmela Tomassetti, 23 anni, si annuncia come la testimone chiave dell'inchiesta. La studentessa, fuggita dalla casa dello studente una settimana prima della tragica scossa, non si sottrae a questa responsabilità.

E' pronta a ripetere che quel palazzo era inagibile e che nessuno ha voluto ascoltare l'allarme che lei stessa aveva lanciato. "La casa dello studente doveva essere chiusa - denuncia la giovane -. Lo ripeterò davanti ai magistrati che so per certo mi ascolteranno. Voglio giustizia per tutti gli amici che sono morti sotto le macerie. Ho chiesto un sopralluogo il 30 marzo e mi hanno detto che era tutto a posto. Chi ha sbagliato deve pagare".

PROCURATORE: OSPEDALE UNO DEI PUNTI PRINCIPALI INCHIESTA
L'ospedale dell'Aquila, nuovo e ora del tutto inagibile dopo la scossa di terremoto del 6 aprile, ''e' uno dei punti principali'' dell'inchiesta aperta dal procuratore Alfredo Rossini. Lo ha detto lo stesso magistrato, parlando con i giornalisti al termine di una riunione operativa con i suoi sostituti che si e' tenuta nella scuola della Guardia di Finanza, dove la procura dell'Aquila ha ora installato alcuni suoi uffici. ''A prescindere da cio' che e' gia' emerso, e cioe' la mancanza del certificato di agibilita''', la centralita' dell'ospedale nell'indagine, spiega il magistrato, e' dovuta al fatto che ''la nostra priorita' e' data ai grandi edifici nuovi che pero' sono crollati lo stesso. L'ospedale - aggiunge Rossini - e' stato oggetto di un'inchiesta parlamentare: noi abbiamo gia' acquisito tutti i risultati di quella inchiesta''.
"Abbiamo un capannone intero pieno di reperti. Il materiale lo abbiamo raccolto e quindi è stato sequestrato". Così il procuratore ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano se nell'ambito dell'inchiesta aperta sui crolli provocati dal terremoto sia già stato sequestrato del materiale? Verranno sequestrate anche intere aree? "Vedremo quello che servirà", afferma il procuratore, al termine di una riunione "con tutti i sostituti per organizzare i turni di lavoro. Il lavoro è tanto - spiega - e dobbiamo dividerci le cose da fare". "Abbiamo dato l'incarico ai periti, abbiamo raccolto le macerie da esaminare, stiamo vedendo le carte", aggiunge Rossini, sottolineando anche la difficoltà di reperire documenti da uffici che sono totalmente crollati. "Ancora nessun iscrizione nel registro degli indagati", ribadisce Rossini, il quale conferma anche "l'intenzione di non limitarsi ad indagare i presunti responsabili, ma di volerli arrestare".

MAFIA NON E' ESTRANEA ALL'ABRUZZO
Il "fiume di soldi" che arriverà all'Aquila per la ricostruzione è appetibile per gli interessi mafiosi, che non sono estranei all'Abruzzo: e dunque la Procura dell'Aquila, che ha aperto un'inchiesta sui crolli provocati dal terremoto, vigilerà anche su quest'aspetto. Lo ha detto, parlando con i giornalisti, il procuratore della Repubblica presso di tribunale dell'Aquila Alfredo Rossini. "Ho parlato poco fa con il procuratore nazionale antimafia Grasso" del rischio di infiltrazioni mafiose, ha affermato Rossini. "Noi non possiamo dire che abbiamo già trovato interessi mafiosi nella ricostruzione, perché la ricostruzione ancora non è partita. Abbiamo però supposto che siccome in Abruzzo, come abbiamo già dimostrato, ci sono delle infiltrazioni mafiose, è abbastanza normale pensare che i mafiosi non siano distratti rispetto al fiume di soldi che deve arrivare". "Quindi - ha aggiunto il procuratore - staremo molto attenti per controllare chi verrà, i requisiti che dovranno avere, e non parlo soltanto della certificazione antimafia".

_________________
Cari amici, il piccolo Edy,di soli 8 mesi, potrebbe essere affetto da una forma più o meno grave di distrofia muscolare, una malattia de-generativa dei muscoli che nelle forme più gravi porta alla perdita della deam- bulazione a soli dodici anni e a morte precoce per interessamento dei muscoli respiratori e cardiaci intorno ai venti.Aiutiamo... nella sezione di tutto di piu ho messo anke un TOPIC
Torna in alto Andare in basso
http://messinafinoallamorte.forumattivo.com
Ultraleo
Messinafinoallamorte
Messinafinoallamorte
avatar

Numero di messaggi : 3612
Localizzazione : Messina
Data d'iscrizione : 31.07.07

MessaggioTitolo: Re: TERREMOTO IN ABRUZZO   Mar Apr 14, 2009 10:39 pm

a quanto pare l'ospedale non era manco riconosciuta dal comune... c'è qualcosa sotto ?
Torna in alto Andare in basso
Canto87
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 3601
Età : 31
Localizzazione : MESSINA CAPUT MUNDI
Data d'iscrizione : 31.07.07

MessaggioTitolo: Re: TERREMOTO IN ABRUZZO   Mar Apr 14, 2009 10:50 pm

e di brutto pensa ke il 50% delle case non sono a norma...è vergognoso e qui si parla di case con 25 - 30 anni di vita max...delinquenti e infati tutti i geometri e ingegneri ke hanno ucciso e messo a repentaglio le vite di una città

_________________
Cari amici, il piccolo Edy,di soli 8 mesi, potrebbe essere affetto da una forma più o meno grave di distrofia muscolare, una malattia de-generativa dei muscoli che nelle forme più gravi porta alla perdita della deam- bulazione a soli dodici anni e a morte precoce per interessamento dei muscoli respiratori e cardiaci intorno ai venti.Aiutiamo... nella sezione di tutto di piu ho messo anke un TOPIC
Torna in alto Andare in basso
http://messinafinoallamorte.forumattivo.com
Ultraleo
Messinafinoallamorte
Messinafinoallamorte
avatar

Numero di messaggi : 3612
Localizzazione : Messina
Data d'iscrizione : 31.07.07

MessaggioTitolo: Re: TERREMOTO IN ABRUZZO   Gio Apr 30, 2009 12:56 am

Terremoto: presto primi ritorni in case agibili


Potrebbe essere pronta fra qualche ora l'ordinanza del sindaco dell'Aquila che consentirà il rientro nelle case, il 55% delle quali dichiarate agibili dopo i sopralluoghi tecnici dei giorni scorsi.
La stesura del documento è comunque un'operazione complessa, perché dovrà stabilire, tra l'altro, le modalità per contattare gli sfollati e perché, prima di tornare, i residenti dovranno comunque far controllare gli impianti del gas per riattivare gli allacci. Sarebbe quindi un ritorno graduale, non in massa. Questo per l'immediato. Quanto al futuro, il primo cittadino, Massimo Cialente, intende chiedere al presidente del Consiglio di riflettere su quanto previsto nel Decreto Abruzzo in merito alla somma da destinare alla ricostruzione delle singole abitazioni nel centro storico.
"Non vogliamo niente di più del dovuto - dice Cialente - attualmente in riunione con la Protezione civile -. Procederemo con il massimo rigore, ma dobbiamo capire che con somme insufficienti rischiamo lo spopolamento dei centri storici, non solo in città, ma anche nei borghi".

Sono 64.768 gli sfollati del terremoto in Abruzzo finora censiti; di questi 29.136 sono sulla costa abruzzese, prevalentemente in alberghi e in case private; 173 sono inoltre i campi di accoglienza, un numero leggermente aumentato perché c'é un'azione di riorganizzazione di alcune zone e accorpamenti anche alla luce del fatto che la Protezione Civile sta facendo sgomberare campi sorti spontaneamente in luoghi non autorizzati.
Questi gli ultimi dati forniti dalla stessa Protezione Civile sulla situazione generale in Abruzzo dopo il terremoto. Le tende finora installate sono 5.635, il numero delle verifiche è arrivato a quota 13.433: il 55% delle abitazioni è stato dichiarato agibile, mentre il 16% è agibile ma solo dopo alcuni interventi peraltro non rilevanti.



Prosegue intanto lo sciame sismico nell'aquilano, dove nella giornata di oggi sono state registrare sei scosse, tra cui una di magnitudo 3.1 e tre di magnitudo 3.0. Il primo evento, in base ai dati dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, ha avuto epicentro nell'aquilano ed è stato registrato alle 4.08 di questa mattina, quelli di magnitudo 3.0, invece (epicentro rispettivo nella Valle dell'Aterno, nell'aquilano e ancora nella Valle dell'Aterno) sono stati rilevati alle 00.51, alle 13.13 e alle 15.17. Le altre due scosse, di magnitudo 2.7 e 2.6 con epicentro nell'aquilano, sono state registrate rispettivamente alle 2.00 e alle 9.18.



(Ansa)
Torna in alto Andare in basso
erMeglio



Numero di messaggi : 33
Data d'iscrizione : 23.04.09

MessaggioTitolo: Re: TERREMOTO IN ABRUZZO   Ven Lug 24, 2009 4:22 pm

ma adesso la situazione all'Aquila com'è, stanno provvedendo per la ricostruzione? gli abitanti dove vivono,ancora nelle tende,speriamo che si risolva presto questa vicenda
Torna in alto Andare in basso
Canto87
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 3601
Età : 31
Localizzazione : MESSINA CAPUT MUNDI
Data d'iscrizione : 31.07.07

MessaggioTitolo: Re: TERREMOTO IN ABRUZZO   Mer Set 16, 2009 12:28 pm

ieri consegnate gia tante abitazioni ed un asilo intitolato a Giulia studentessa la quale lei stessa ha disegnato l'asilo...un forte abraccio a tutti gli abitanti di Onna...

_________________
Cari amici, il piccolo Edy,di soli 8 mesi, potrebbe essere affetto da una forma più o meno grave di distrofia muscolare, una malattia de-generativa dei muscoli che nelle forme più gravi porta alla perdita della deam- bulazione a soli dodici anni e a morte precoce per interessamento dei muscoli respiratori e cardiaci intorno ai venti.Aiutiamo... nella sezione di tutto di piu ho messo anke un TOPIC
Torna in alto Andare in basso
http://messinafinoallamorte.forumattivo.com
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: TERREMOTO IN ABRUZZO   

Torna in alto Andare in basso
 
TERREMOTO IN ABRUZZO
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
MESSINA TERRA D'AMORE :: Di tutto di più :: Off topic-
Vai verso: