MESSINA TERRA D'AMORE

questo forum viene creato per ki come me ama questa città e la Sicilia in generale, e per discutere e scambiare idee tra di noi...
 
PortalePortale  IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  PianetafantacalcioPianetafantacalcio  

Condividi | 
 

 Le terre infrante

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ultraleo
Messinafinoallamorte
Messinafinoallamorte
avatar

Numero di messaggi : 3612
Localizzazione : Messina
Data d'iscrizione : 31.07.07

MessaggioTitolo: Le terre infrante   Gio Mag 15, 2008 2:54 pm

Il reportage nel libro "Le terre infrante"

Il sisma del 1908 nel racconto di Jean Carrère



Laura Simoncini
Messina
Erano le 5,21 del 28 dicembre 1908 quando, in 27 interminabili secondi, avvenne l'immane cataclisma che distrusse Messina. A quasi cento anni dall'apocalisse le dimensioni della catastrofe, sono tutte rintracciabili nel reportage del giornalista francese Jean Carrère, che allora venne a visitare questi luoghi. Oggi le sue pagine dal titolo "Le terre infrante. Calabria e Messina – 1907 – 1908 – 1909", a cura del dott. Giuseppe Pracanica, presidente dell'Istituto Novecento, possono essere rivissute grazie alla traduzione della prof. Rosa Maria Palermo Di Stefano, direttrice del dipartimento di Lingue e Letterature Straniere dell'Ateneo messinese, con la prefazione del prof. Francesco Mercadante. Inoltre la maggior parte delle fotografie - pubblicate su "L'illustrazione Italiana" - sono state recuperate e riprodotte nel testo dal prof. Angelo Raffa. Quella di Carrère fu una cronaca del tempo minuziosa e appassionata che ebbe inizio nell'ottobre 1907 quando, come giornalista, visse un'esperienza di tirocinio in terra calabra, località Ferruzzano. Giunto in riva allo Stretto definì la città: «Strana, in effetti, per quel non so che di fantastico e di signorile che la fa somigliare da lontano, allo scenario illuminato di qualche favolosa Atlantide». Splendido il racconto della Fata Morgana o l'incanto provato dinnanzi alla "Palazzata" e alla dirimpettaia fontana del Nettuno; terribile il momento in cui grida di strilloni annunciano morte e distruzione a Messina e rovine in Calabria. Man mano che le pagine scorrono l'odissea di quell'evento, con morti e feriti, prende il sopravvento ma non mancano descrizioni sui valorosi soccorsi prestati da marinai e soldati. «Sì, ne sono sicuro – scriveva infine il giornalista 17 aprile 1909 – fra noi tutti che siamo venuti da Roma o da Napoli per vedere, come Messina poteva rinascere, non c'è uno solo, che non proverà il desiderio, il bisogno di ritornare qui per seguire in strofe di legno, di cemento o di pietra, la marcia ascendente di questo poema vivente che è la resurrezione di un mondo».
Torna in alto Andare in basso
Canto87
Admin
Admin
avatar

Numero di messaggi : 3601
Età : 31
Localizzazione : MESSINA CAPUT MUNDI
Data d'iscrizione : 31.07.07

MessaggioTitolo: Re: Le terre infrante   Ven Mag 16, 2008 12:37 am

deve essere sucuramente un bel libro,ma gia è possibile trovarlo???

_________________
Cari amici, il piccolo Edy,di soli 8 mesi, potrebbe essere affetto da una forma più o meno grave di distrofia muscolare, una malattia de-generativa dei muscoli che nelle forme più gravi porta alla perdita della deam- bulazione a soli dodici anni e a morte precoce per interessamento dei muscoli respiratori e cardiaci intorno ai venti.Aiutiamo... nella sezione di tutto di piu ho messo anke un TOPIC
Torna in alto Andare in basso
http://messinafinoallamorte.forumattivo.com
 
Le terre infrante
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
MESSINA TERRA D'AMORE :: la mia città :: Terremoto di Messina-
Vai verso: